“Non c’è niente che cambierei”, l’emozione corre sul filo del racconto di Massimiliano Campanile

adsense – Responsive Pre Articolo

Non cè niente che cambierei, lemozione corre sul filo del racconto di Massimiliano Campanile

  • Federica Guerriero

Si emoziona, trattenendo a stento le lacrime, durante la presentazione del suo primo libro “Non c’è niente che cambierei “edito da Graus Edizioni: sala gremita, pubblico attento e coinvolto, il racconto, appassionato e sincero, di Massimiliano Campanile scorre veloce ed emozionante toccando le corde del cuore degli astanti..

Non cè niente che cambierei, lemozione corre sul filo del racconto di Massimiliano CampanileNon una semplice biografia, ma un viaggio commovente tra gli ànditi della sua vita, complicata, sofferta e testarda, tra i traumi infantili, il bullismo subìto, il duro percorso di accettazione della propria omosessualità, la passione smodata per il lavoro, che, nel tempo ha premiato la sua determinazione, trasformando le difficoltà in successo.

Partito da Barra, quartiere periferico di Napoli, Massimiliano ha inseguito il suo sogno frequentando la nota scuola di parrucchieri a Portici, “Maristella”, fino a diventare uno degli Hair Stylist più bravi ed importanti d’Italia ed esclusivista in Campania del marchio “Aldo Coppola”.

Non cè niente che cambierei, lemozione corre sul filo del racconto di Massimiliano CampanileNei suoi locali di Chiaia, prestigioso salotto della Napoli elegante, sotto la sua cura ed attenzione passano principesse, nobildonne, professioniste, modelle ed attrici. Accanto al suo salone in via Mariano d’Ayala n.14 a Napoli ha inaugurato un privée per le sue clienti da tutta Italia, che amplia il suo concetto di bellezza e di cura della persona a 360 gradi.

Non cè niente che cambierei, lemozione corre sul filo del racconto di Massimiliano CampanileDa molti anni è anche il mio hair stylist di fiducia, sempre disponibile, garbato ed elegante, riesce ad imprimere stile in ogni taglio che esegue, personalizzandolo su ogni donna diversa.

Un talento innato che cela una sensibilità insospettabile, oggi raccontata attraverso le belle pagine del suo libro, con la prefazione dell’attrice Cristina Donadio (la mitica Chanel in Gomorra), presentato lunedì 27 gennaio al PAN di Napoli e con uno scopo benefico: infatti, il ricavato delle vendite sarà interamente devoluto in beneficenza al progetto “Insieme si puòdiretto da Biagio Ruoccodi Sarno (Sa) e finanziato da Nuova Officina Onlus che si occupa di bambini affetti da autismo.

Non cè niente che cambierei, lemozione corre sul filo del racconto di Massimiliano CampanileIn cantiere tanti progetti per il futuro e già un nuovo libro dedicato al tema dell’omosessualità, sviluppato intorno al cammino, complicato e fragile, che un ragazzo o una ragazza si trova ad affrontare prima della consapevolezza del proprio “io” e del coming out.Non cè niente che cambierei, lemozione corre sul filo del racconto di Massimiliano Campanile

adsense – Responsive – Post Articolo