Pokè, a Napoli, Mame Ostrichina abbina i 12 segni zodiacali

adsense – Responsive Pre Articolo

Pokè, a Napoli, Mame Ostrichina abbina i 12 segni zodiacaliCos’è il “pokè“? In lingua hawaiana significa “tagliare a pezzi”, dunque, piccoli bocconcini di carne, pesce, verdure.

Un nuovo stile di concepire il cibo di Monica Neri, napoletana, laurea in Business Administration a Parigi, tre anni vissuti in Giappone, un primo ristorante di cucina giapponese, Kukai, realizzato con il fratello Massimiliano, e un percorso personale nutrito di letture, viaggi e ricerche, dal buddismo zen alla filosofia occidentale che, oggi, propone a  Mame Ostrichina, il nuovo indirizzo nel cuore di Napoli,  a pochi passi dal Teatro di San Carlo e dal Palazzo Reale, che offre menù ispirati ad un concept di cucina sana e rispettosa dell’ambiente dove l’estetica giapponese incontra il design contemporaneo, con un tocco di romantica eleganza dei fiori freschi sui tavoli.

Da oggi, sabato 15 febbraio, Mame Ostrichina propone anche a pranzo una carta di 12 pokè – più un pokè del giorno – per una pausa pranzo veloce, sana e gustosa.

Pokè, a Napoli, Mame Ostrichina abbina i 12 segni zodiacaliIl pokè combina riso (riso jasmime, riso venere, riso da sushi) con vegetali e cubetti di pesce crudo o cotto (salmone crudo speziato, tonno crudo speziato, ricciola cruda, gamberi, pescato del giorno alla piastra), salse, semi, spezie, frutta secca e topping vari. La novità sta nella combinazione tra pokè e segni zodiacali: ad ogni pokè in carta è infatti abbinato un profilo astrologico.

<Mi piace chiamarlo il Pranzo lunatico di Mame Ostrichina>, commenta Monica Neri, fondatrice e anima di questo luogo che è ristorante e spazio di incontro e pensiero dove si disserta di astri, psicologia, benessere e tanto altro.

Pokè, a Napoli, Mame Ostrichina abbina i 12 segni zodiacali <Ma in realtà vuol essere un pranzo leggero, sano, internazionale nel concept, di tendenza certamente, ma anche local e di stagione nella scelta degli ingredienti nel rispetto dell’Ambiente. Alcuni piatti, come il salmone teriyaki parlano della nostra storia e di questo luogo che è stato Kukai, dove buona parte dei napoletani ha mangiato per la prima volta la cucina giapponese >.

Federica Guerriero

Costo medio per pokè 12€ e per chi non ama lasciarsi guidare dagli astri c’è la possibilità di scegliere il pokè del giorno, dal lunedì al venerdì, accompagnato da tempura di verdure e e da mame al costo di 10€ con acqua e coperto inclusi nel prezzo.

 

Mame Ostrichina

via Carlo de Cesare, 52, Napoli

 

Pokè, a Napoli, Mame Ostrichina abbina i 12 segni zodiacaliChi è Federica Guerriero

Milanese di nascita, studi universitari, ha maturato la sua passione per il turismo enogastronomico, le tradizioni popolari, la storia e la cultura degli alimenti durante i numerosi viaggi in giro per il mondo, grazie anche alla padronanza di diverse lingue, come inglese e francese. Collabora come freelance anche per altre testate giornalistiche registrate, come Mondo in Tasca, Giornale di Cultura del viaggiare on line a pubblicazione quotidiana.

adsense – Responsive – Post Articolo